giovedì 13 dicembre 2012

Pompa a pistoni di Ctesibio




Questo modellino in legno raffigura la pompa idraulica a pistoni inventata da Ctesibio.

Il progetto di tale pompa venne ripreso in seguito da altri inventori (Vitruvio, Erone di Alessandria), che la migliorarono e la svilupparono.

Furono gli antichi Romani che la trasformarono in pompa impiegata dai pompieri per spegnere le fiamme (tale dispositivo venne usato dai pompieri fino al novecento) e in pompa da usare in cantieri e in miniere (questo modellino riproduce una pompa a pistoni a doppio effetto di epoca romana rinvenuta nella miniera di Huelva Valverde in Spagna) che serviva per aspirare l’acqua.

Era adatta a tale scopo in quanto riusciva ad erogare acqua in pressione.

Per far capire il suo funzionamento ho fatto in modo che la parte frontale del modello si potesse staccare e ho sezionato le basi dei cilindri.
 
 

Quando si aziona la leva (1) i pistoni (2 e 3) scorrono nei loro cilindri (2a e 3a), uno si alza e l’altro si abbassa. In questo esempio, il pistone (2) si alza e per effetto dell’aspirazione, si alza la valvola (4) che fa entrare l’acqua che passa dai fori (6) situati alla base della pompa, entra nel tubo (7) che collega i due cilindri e getta fuori l’acqua in pressione dal tubo (8). Nel frattempo l’altro pistone (3) abbassandosi “schiaccia” e chiude la valvola (5) che non fa entrare l’acqua. Al successivo azionamento della leva (1) la pompa funziona al contrario e cioè la valvola (4) si chiude mentre la valvola (5) si apre.
 


Per azionare questo tipo di pompa occorrevano due persone poste ai lati della leva.

Tutto il modello è fatto in legno e i cilindri cavi e i pistoni sono stati costruiti con il tornio.

 
 

 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Se il blog ti è piaciuto votami qui